back-arrowclipboard-checkclipboardclose-2close-3close-4closeconstruction-2constructioncubecubescurva-fotometricadeletedesign-tooldesigndot-circledown-arrow-thindown-arrowdownload-2download-3downloaddrawingemailexpandfilefilterfountaingroupico-alimentazioneico-cavoico-coloriico-coperturaico-corpo-acciaioico-corpo-vetroico-dimensioniico-dinico-dmx-512ico-dmxico-isolamentoico-ondeico-pilaico-potenzaico-protezioneico-rbgwico-rdmico-sequenzeico-smartphone-controlico-sostituzioneico-zoneleft-arrow-thinleft-arrowlinklistlocation-thinlocationlogo-teclumenlogo-teclumen_oldmarker-fillmarkernext-arrowpayoffper-aquamright-arrow-thinright-arrowsearchsharesocial-facebooksocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-whatsappsocial-youtubeteamwork-2teamworkteclumen-mobileteclumen-payoffteclumen-payoff_wteclumentimesuserwaterwaves

Driver interni o driver esterni?
ARTICOLI ACADEMY

Driver interni o driver esterni?

Ogni dispositivo a LED, comprese le lampade da casa che troviamo nella grande distribuzione, necessita al suo interno di componenti (tecnicamente denominati DRIVER) in grado di fornire ai LED stessi la corrente necessaria al loro funzionamento. I costruttori di lampade, in fase di progettazione, devono scegliere se inserire i driver all’interno della lampada stessa oppure inserirli in un alimentatore esterno. Se la scelta ricade nel primo caso, ossia i driver sono integrati all’interno della lampada, la tensione di alimentazione da fornire alla lampada può essere di tipo alternato (tensione AC), mentre se la scelta ricadrà nel secondo caso, ossia driver esterni alla lampada, la tensione da fornire alla lampada sarà di tipo continuo (tensione DC). Nel primo caso l’elettronica presente nell’impianto (ossia led e i driver) sarà salvaguardata dalla tenuta meccanica della lampada, mentre nel secondo caso sarà necessario assicurarsi che gli alimentatori esterni vengano alloggiati in ambienti asciutti e lontani dall’umidità.